news

14

Mag10

Senza categoria | news

Il bilancio energetico-radiativo come strumento di progettazione.

Bilancio energetico radiativo

Ai fini di comprendere la qualità  del comfort ambientale che si determinerà  in uno specifico ambito, operazione complessa ma che rientra nelle piazze moderne strategie e metodologie della progettazione ambientale, risulta utile elaborare uno specifico bilancio energetico. Attraverso tali metodologie di supporto alla progettazione ambientale  possibile ad esempio ottenere informazioni circa le specifiche caratteristiche microclimatiche che si andranno a determinare (se applicate in riferimento al progetto) in uno spazio urbano, in una piazza, in un ambito di un parco, in un qualsiasi spazio aperto progettato. …leggi

0 Commenti

14

Mag10

Senza categoria | news

La valutazione della radiazione solare in arrivo per una progettazione bioclimatica ed ecoefficiente.

Enviroment flux

Domenico D’Olimpio enviroment; 2001

Ai fini di progettare edifici ecoefficienti, in grado di utilizzare i flussi ambientali esterni, con particolare riferimento al soleggiamento ed alla ventilazione, per autodeterminare nei propri spazi interni delle condizioni ambientali che si discostino il meno possibile da ottimali condizioni di comfort ambientale, minimizzando la dipendenza dai sistemi impiantistici, risulta importante saper comprendere la dinamica solare e valutarne le caratteristiche. Ci risulta utile ai fini si conoscere, ad esempio, la quantità di radiazione solare che inciderà sulle facciate degli edifici di progetto, in grado di riscaldare l’involucro edilizio e di interagire direttamente con lo spazio abitato entrando in ambiente dalle aperture vetrate, dando quindi luogo ad un carico termico interno, utile in fase invernale, da limitare in fase estiva. …leggi

0 Commenti

03

Mag10

Senza categoria | news

Il modello urbano ad alta densità: Caratteristiche microclimatiche degli spazi aperti.

Un modello di “città compatta”, oltre a possedere specifici requisiti morfologici, organizzativi, di accorpamento e sovrapposizione funzionale, deve prevedere adeguati criteri e strategie di controllo microclimatico per la definizione di adeguate condizioni di comfort e fruibilità  degli spazi intermedi.
Gli spazi “in between city” interstiziali negli ambiti costruiti, si differenziano nelle loro condizioni ambientali all’interno di una stessa area urbana, in funzione delle caratteristiche dispositive ed organizzative dell’edificato e delle caratteristiche fisico-costitutive dell’assetto costruito locale, proprio di specifici settori urbani. …leggi

0 Commenti

03

Mag10

news

Il funzionamento urbano sostenibile: Confronto tra modelli urbani. Il tema della mobilità.

Attualmente i grandi impianti industriali inquinanti stanno scomparendo dagli ambienti urbani, in conseguenza di una opportuna delocalizzazione; gli impianti fognanti e di smaltimento rifiuti sono molto più efficienti di quelli delle città nella prima parte del XX secolo, nonché sono mutate, rispetto a queste ultime, le condizioni di organizzazione sociale, funzionale e gestionale. Tutto ciò consente di non considerare più come un pericolo, al contrario di quanto accadeva precedentemente, il modello urbano ad alta densità. …leggi

0 Commenti

16

Apr10

Solare Fotovoltaico | news

La nuova tecnologia FV della multigiunzione per la realizzazione di celle FV ad altissima efficienza.

La ricerca tecnologica, sperimentando l’attuazione della conversione fotovoltaica con materiali differenti dal tradizionale silicio, nell’obiettivo di individuare soluzioni e tecnologie caratterizzate da un rendimento di conversione sempre maggiore e quindi da una sempre maggiore efficienza energetica, ha portato alla realizzazione di nuove celle fotovoltaiche dette a multi-giunzione e basate sull’utilizzazione di materiali differenti dal tradizionale silicio, nonché caratterizzate da una elevatissima efficienza, superiore al 30%. Tali valori nell’efficienza di conversione finora sono stati irraggiungibili anche attraverso l’utilizzazione delle tecnologie maggiormente avanzate ed efficienti, quali ad esempio quella della eterogiunzione (vedere l’articolo “Fotovoltaico ad alta efficienza: la tecnologia dell’eterogiunzione”). …leggi

0 Commenti

16

Apr10

news

Fotovoltaico ad alta efficienza: la tecnologia dell’eterogiunzione.

I dispositivi fotovoltaici ad eterogiunzione sono stati introdotti nel mercato fotovoltaico a partire da circa la metà degli anni ’90 e successivamente sviluppati, a livello tecnologico e di produzione, in maniera tale da poter essere messi sul mercato a costi competitivi pur garantendo tutti i vantaggi che tale tecnologia consente, sintetizzabili in particolare nei seguenti punti:

- Raggiungimento di alte efficienze di conversione (fino a circa il 20% )
- Processo di fabbricazione a basso consumo di energia in quanto caratterizzato da una temperatura relativamente bassa
- Compatibilità del processo con wafer di silicio caratterizzati da costo limitato.
- Processo produttivo caratterizzato da tempi complessivi di produzione relativamente bassi in funzione del limitato numero di stadi di lavorazione.
- Durata in esercizio stimabile in 25-30 anni. …leggi

0 Commenti

22

Mar10

news

Sistemi di climatizzazione a soffitto radiante: Aspetti prestazionali.

Sistemi di climatizzazione

Ai sistemi di climatizzazione a soffitto radiante sono riconosciute ottime prestazioni, in termini di efficienza energetica e comfort ambientale, con riferimento particolare alle esigenze di comfort e raffrescamento ambientale connesse al periodo estivo. Infatti, se in rapporto al funzionamento come sistema di climatizzazione invernale i sistemi a pavimento radiante evidenziano le migliori prestazioni in relazione alle condizioni di comfort ambientale che si vanno a determinare(1), in rapporto al funzionamento in fase estiva le prestazioni di un sistema a soffitto radiante possono essere giudicate migliori se paragonate a quelle offerte da altri sistemi di climatizzazione estiva, radianti e non.
Certamente i climatizzazione estiva a soffitto radiante richiamano i progettisti ad una più attenta progettazione, basata su una accurata valutazione dei carichi termici interni ed un assolutamente preciso dimensionamento del sistema. …leggi

0 Commenti

22

Mar10

Architettura bioclimatica | news

Caratteristiche tecnico-realizzative dei sistemi a soffitto radiante.

Le caratteristiche tecnico-realizzative dei sistemi a soffitto radiante influiscono direttamente e notevolmente sulle rese termiche del sistema e quindi sulle caratteristiche del comfort ambientale che vanno a determinare. Occorre pertanto conoscerle in maniera adeguata per poter effettuare appropriate scelte in rapporto alle specifiche esigenze ambientali.
Per i sistemi a soffitto radiante esistono fondamentalmente due differenti modalità di realizzazione: installazione in aderenza alle strutture, ovvero in aderenza al soffitto, ed installazione a controsoffitto mediante la realizzazione di una specifica controsoffittatura. Per la seconda modalità tecnico-realizzativa è in genere richiesto un maggiore spazio disponibile e, per interpiani al limite delle altezze utili richieste dalle normative, vi possono essere problematiche ostative all’installazione del sistema (es. i locali con altezze nette pari a m 2,70-2,75, non si prestano ad ospitare tali tipologie di impianto). …leggi

0 Commenti

10

Mar10

Architettura bioclimatica | news

Tipologie impiantistiche a confronto: pavimento e soffitto radianti.

Ai fini di chiarire pregi e difetti dei sistemi radianti a pavimento ed a soffitto per il condizionamento degli ambienti, è opportuno mettere in relazione i requisiti dei differenti sistemi con i vincoli che questi pongono in rapporto agli spazi ed agli ambienti di installazione. Tale analisi va condotta in rapporto al funzionamento in riscaldamento invernale ed a quello in raffrescamento estivo. Ciascuno dei sistemi infatti presenta particolari aspetti negativi e/o positivi in rapporto allo specifico periodo di condizionamento ambientale considerato.

…leggi

1 Commento

10

Mar10

Architettura bioclimatica | news

La climatizzazione radiante. Pavimento, soffitto o parete radiante?

La ricerca tecnologica indica attualmente differenti strategie percorribili per una adeguata attuazione degli obiettivi di comfort ambientale in ambiente indoor, con particolare riferimento alle esigenze di climatizzazione invernale ed estiva degli ambienti. L’uso di camere di prova specificamente dedicate alla individuazione dei parametri ambientali (temperatura, velocità dell’aria, ecc.) propri delle condizioni microclimatiche indotte dalle differenti tecnologie di condizionamento degli ambienti, nonché preposte all’individuazione delle specifiche rese termiche in riscaldamento ed in raffrescamento per ciascuna delle differenti tecnologie utilizzabili, ha reso disponibili dati, tabelle e diagrammi in riferimento ai quali, utenti finali, progettisti ed imprese del settore possono orientarsi ed indirizzare le loro scelte. …leggi

2 Commenti

Tools